Storia del Monastero Il Monastero Valledacqua Contattaci
Dopo circa 1000 anni è rinato il Monastero di Valledaqua. Il 19 giugno 2002, festa di S. Romualdo, è stato consegnato alla comunità monastica femminile camaldolese, dipendente dal Monastero di S. Antonio in Roma.
Secondo lo stile camaldolese al Monastero si associa la foresteria, luogo destinato ad accogliere quanti desiderano rinnovare la loro vita cristiana nella lettura della parola di Dio, nella preghiera, nel silenzio.
Ritornano alla mente le espressioni del grande abate di fonte Avellana, S. Pier Damiani (+ 1072) "Oh, eremo! Diletto delle anime sante e dolcezza inestinguibile della vita interiore!...oh, cella! Ammirabile officina d'esercizio spirituale, dove l'anima ricostruisce in sé l'immagine del suo Creatore, e le restituisce la purezza originale!...oh, cella! Casa interamente spirituale!...oh, eremo! Libertà dell'anima!...oh, vita eremitica! Vita benedetta, giardino dell'anima, vita santa, vita angelica!..." (opus. XI, c. 19 Laus vitae eremiticae).
Per la nostra Diocesi è un vero dono di Dio. Lo hanno compreso i numerosissimi aderenti alla Associazione "Amici di Valledacqua".

Per tante persone è un punto di riferimento spirituale e di crescita interiore.
Alla famiglia camaldolese una immensa gratitudine per avere accettato l'invito di portare la loro spiritualità nella Diocesi ascolana.
Le immagini del MonasteroVisita i virtual del MonasteroIl libro di ValledacquaOrari del Monastero Visita il sito dell'Hotel Monastero ValledacquaVisita il sito dell'Associazione Amici di Valledacqua